Siti d’ interesse Ogliastra

L’ Ogliastra

Siti d’interesse in Ogliastra

Una vacanza nell’ Ogliastra può diventare anche un emozionante viaggio alla scoperta del suo territorio di particolare interesse caratterizzato dalla presenza di numerosissimi monumenti naturali e dalla bellezza mozzafiato dei suoi paesaggi. Da non perdere la visita alle principali grotte, tra cui le Grotte Su Marmuri a Ulassai e la Grotta del Fico nella costa di Baunei. La Grotta di Su Marmuri, che deve il suo nome alle particolari colorazioni e all’aspetto delle sue conformazioni, è ancora viva e con il suo Km di lunghezza e i 35 metri di alezza media è annoverata come una delle più imponenti grotte d’Europa. La Grotta del Fico parte a circa dieci metri sul livello del mare e si sviluppa nell’imponente muraglia calcarea del Golfo di Orosei (Baunei) è particolarmente importante per i sifoni che la collegano al mare dai quali accedeva la foca monaca.

La Gola di Su Gorroppu, tra i più famosi monumenti naturali della Sardegna, si trova tra il Supramonte di Urzulei e quello di Orgosolo; con i suoi 14 Km di lunghezza e le sue pareti calcaree che si stagliano a più di 450 m di altezza, è considerato uno dei canyon più profondi d’Europa. Punta Perda ‘e Liana, nel territorio di Gairo, costituisce un inequivocabile riferimento della nostra isola, visibile da grandi distanze e dominante il paesaggio. La Perda, torrione di roccia, è il risultato di lunghe azioni erosive che hanno condotto fin quasi alla completa disgregazione del tavolato originario. Il basamento su cui poggia è di forma troncoconica; l’imponente torrione, le cui pareti si innalzano per circa 50 metri, raggiunge quota 1293 metri.

Siti d’ interesse Ogliastra

Lungo la serie di pareti che delimitano ad oriente il vastissimo tavolato calcareo del Taccu di Osini, si apre la Scala di San Giorgio. Si tratta di una gola molto angusta, delimitata da alte muraglie di natura calcarea e dolomitica ed attraversata da uno stretto nastro d’asfalto proveniente dal vicino abitato di Osini. Il suo superamento consente l’accesso al taccu, l’unico per chilometri ad essere agevole. L’aspetto della gola, singolare e maestoso, suscita grande suggestione per l’altezza delle pareti e per la breve distanza che intercorre tra esse. Non meno conosciuto rispetto ai monumenti precedenti è Su Sterru, la più profonda voragine a campata d’Europa, situata nell’ altopiano del Golgo che si estende sopra l’abitato di Baunei, ad una quota media di 400 metri. Per gli amanti delle natura risultano di notevole interesse le diverse oasi naturali della provincia. Tra queste è doveroso ricordare la Foresta di Montarbu, si estende per quasi 2800 ettari prevalentemente nel territorio di Seui ed in piccola parte in quello di Ussassai e l’ Area faunistica di Urzulei.

I turisti che scelgono di visitare l’ Ogliastra, non solo per la bellezza del suo mare e dei suoi paesaggi, ma anche per conoscerne la storia e gli aspetti culturali, possono visitare i diversi siti archeologici sparsi sul territorio di epoca prenuragica e nuragica.
La Necropoli ipogeica di Lotzorai è costituita da almeno diciassette domus de janas (tombe scavate nella roccia), realizzate prevalentemente a sviluppo planimetrico longitudinale, sono del tipo monocellulare e pluricellulare. Le più antiche risalgono al Neolitico recente (3800-2900 a.C.). Il Complesso archeologico di Scerì è localizzato su un torrione granitico nel territorio di Ilbono. Il complesso, in buono stato di conservazione e riportato alla luce da diverse campagne di scavi, è costituito da un nuraghe complesso con annesso villaggio e due domus de janas. Il Parco Archeologico di Selene, situato ali interno di un fitto bosco che ne rende particolarmente suggestiva la visita, è costituito da un nuraghe (del quale e rimasto solamente il basamento) circondato da un agglomerato di circa 200 capanne che formavano il villaggio, e da due tombe dei giganti (tombe collettive), distanti da quest’ultimo circa 500 m.. Il Percorso archeologico di Villagrande Strisaili si propone di offrire una visione della civiltà nuragica attraverso testimonianze monumentali di grande interesse, legate alla sfera abitativa, sacra e funeraria in un contesto ambientale estremamente affascinante. I monumenti che potranno essere ammirati sono una tomba di giganti, un insediamento abitativo a carattere preurbano e un tempio del tipo a megaron, unico finora in Ogliastra, con le sue quattro celle forse dedicate al culto delle acque. Il complesso nuragico di Serbissi situato sopra i tacchi calcarei di Osini, raggiungibile dopo avere attraversato il passo di Scala San Giorgio, è costituito da un nuraghe complesso, composto dalla torre centrale e da altre 3 torri, da un piccolo villaggio di 8 capanne e da una grotta sottostante, che permette di attraversare la montagna sotterranea. Dalla sommità della torre principale del nuraghe è possibile ammirare un incantevole panorama.